cURRICULUM                              







"Giorgio Dini mi ha ispirato, tra l’altro, un “passaggio” per un mio scritto:
Il tentativo di simulare un continuum di ventre di vibrazione ad infinitum
è per me da escludere e da evitare in quanto diseducativo. Esso è contro la natura del suono provocato che richiede la costante della fase del moto armonico e la controfase, direi, nel cambio di direzione dell’arcata. È da preferire, piuttosto e questo sì, sempre un “ben distinto” attacco del suono: quello in su se l’arcata è iniziata in giù o viceversa.
Il "tremolo" sintetizza perfettamente questo concetto poiché all’ascolto risulta evidente lo “stretto” dell’alternanza degli “in giù” e degli “in su”, ossia degli attacchi del suono reiterati nella brevità del periodo d’articolazione. Ho avuto modo, recentemente, di ascoltare con immenso piacere questa modalità esecutiva mirabilmente e sapientemente attuata (tra le altre) al contrabbasso dall’interprete Giorgio Dini ("ONE MORE TIME”, Borah Bergman - piano, Giorgio Dini - contrabbasso) e, aggiungo, per la prima volta nella mia esperienza d’ascolto. Il risultato sul piano spirituale è stato illuminante”.    Fernando Grillo



> Jazz reviews, some years ago....see HERE





> Stockhausen courses Kurten 2013: +/- compositions and Intuitive Music